HomeChi siamo Catalogo Eventi Rassegna Stampa Contatti
  EVENTI
17 Novembre 2018 - ore 17.30
Faenza (Ra), Bottega Bertaccini - Libri e Arte, Corso Garibaldi 4
Maria Paola Patuelli
Polvere e perle

tutti gli eventi
CATALOGO
Produzione varia
Narrativa
Musica
Editoria locale
Arte
Riviste
Altre collane
Teatro
Saggistica
Elenco Autori Cerca nel catalogo  
Inserire una sola parola  
Categoria Collana 
    DETTAGLIO LIBRO

Zoom della copertina
John Keats
Urne del sogno

Le Odi del 1819



Curatori: Roberto Cresti
Pp. 80 Uscita: 2007
Collana: Lectio brevis - 1
ISBN: 978-88-8342-552-3

Prezzo: EURO 10,00

John Keats è un poeta sul quale la critica si è esercitata con molta costanza, mettendone però in luce caratteristiche di poetica e stile che lo hanno fatto apparire come un “poeta senza poesia”. Nato nel 1795 alla periferia di Londra, Keats non fu per natura un filosofo, né volle esserlo. Non l’interessava il pensiero che esclude l’esperienza, ma neppure l’esperienza che non si muta in pensiero. Il suo carattere lo portò così, senza sforzo, a vivere sospeso fra l’intelletto e i sensi. È necessario allora invertire i termini della lettura: nella sua poesia, è l’idea che si muta in verso. Nel 1819, Keats ha ventiquattro anni (poco gli resta ancora da vivere): in quell’anno il suo percorso subisce una serie di ricapitolazioni, variazioni, avanzamenti e arretramenti. Ecco allora nascere opere come The Eve of St. Agnes, Lamia e Otho the Great, tentativo di cimentarsi con il teatro, che risentono (formalmente) di un debito con la tradizione; ma anche opere come la ballata La Belle Dame sans Merci e le sei grandi Odi, a cominciare da quella A Psiche, in cui il poeta si misura invece con atti di pensiero e ritmi ben più originari. È qui che il suo pensiero si fa davvero poesia, sforzandosi di liberare la lingua letteraria dai suoi ceppi artificiosi: questo non significa che i testi non rinviino a un genere, (l’ode appunto), ma che il genere è già piegato ai modi di una espressione più sciolta ed essenziale. Perché ciò che il poeta cerca è il ritmo originario (naturale) della lingua inglese.Il volume riunisce per la prima volta l’intero corpus delle Odi keatsiane (Ode a Psiche, Ode a un usignolo, Ode su un’urna greca, Ode alla malinconia, Ode all’indolenza, Ode all’autunno, proposte in una nuova traduzione (con testo originale a fronte) e accompagnate da un saggio di Roberto Cresti.

  I messaggi dell'editore

 

 



[continua]
 
Guida all'acquisto

Leggi
 
Librerie e distribuzione

Guarda l'elenco
 
Invia qui il tuo manoscritto

Leggi come fare
 
 
 
PENDRAGON 2.0
 
 
Su Facebook le numerose iniziative promozionali, i messaggi in tempo reale, i "botta e risposta"...

Il nostro canale YOUTUBE raccoglie Booktrailer, recensioni, interviste, presentazioni, curiosità...